LA ZONA DI COMFORT: TRA BENESSERE E DISAGIO

La zona di comfort è una dimensione mentale che ciascuno di noi sperimenta e, all’interno della quale, percepisce una sensazione di sicurezza e prevedibilità.

E’ spesso connessa a uno spazio fisico e alla messa in atto di comportamenti quotidiani piuttosto simili che possono rimandarci un senso di rassicurazione e stabilità.

In un certo senso contribuisce anche a costruire e mantenere il nostro senso identitario. Io sono la persona che vive in questo luogo, che ha questo tipo di legami con queste persone, che svolge questo tipo di professione, ha questo tipo di interessi e così via..

Indubbiamente concorre in modo importante al mantenimento del nostro benessere, ma può succedere che nel tempo possa contribuire a non farci prendere contatto con la persona che siamo ora, con eventuali nuovi bisogni e nuovi desideri o non ci stimola a scoprirli.

Si può così sperimentare, a volte, una sensazione non definita di insoddisfazione, vuoto, disagio a cui non si sa collegare una causa e rispetto a cui non si sa o non si vuole far fronte.

Altre volte invece siamo consapevoli che alcune consuetudini, alcune attività che abbiamo sempre svolto ci fanno provare una sensazione simile alla costrizione, alla insoddisfazione, ma uscire dalla zona di comfort significherebbe mettere in atto un cambiamento, assumersi un rischio e il pensiero di agire può attivare sensazioni di “fatica” oppure emozioni di paura o ansia che ci impediscono qualunque movimento riportandoci però in una situazione da cui non riusciamo più ad attingere stimoli e gratificazione.

E se pensassimo alla zona di comfort come ad uno “spazio” flessibile e dinamico?

E se imparassimo a chiederci un po’ più spesso: “Come sto nella mia quotidianità?”

  • A volte proprio il non farci questa domanda, con il trascorrere dei giorni, dei mesi, degli anni, può portarci ad allontanarci da noi.
  • A volte sarebbe sufficiente osservare con consapevolezza ciò che si vive e che si ha, riprendendo contatto con l’importanza e il valore dei momenti che viviamo, anche i più piccoli, i più semplici: il sorriso d’amore con cui ci guarda un nostro caro, il momento in cui ci prendiamo cura delle nostre piante predilette…
  • Altre volte potremmo scegliere di introdurre piccoli cambiamenti, variazioni alla routine, coinvolgendo magari anche il partner o sorprendendolo con una cena particolare, un pensiero, un messaggio inaspettato.

Vi sono poi circostanze più complesse in cui l’ambivalenza tra la consapevolezza del disagio che si vive nella comfort zone e la paura delle conseguenze del cambiamento, trattiene in una dolorosa posizione di stallo.

In questi casi scegliere di essere accompagnati e sostenuti nella ricerca di ciò che accade e di quale potrebbe essere, per la singola persona, la direzione migliore, potrebbe costituire una valida opportunità.

 

A cura della d.ssa Agata Pollastri, psicologa psicoterapeuta

 

Per informazioni scrivere a psicologia@centroilmelograno.it

cell.3478295849

banner Contattaci su WhatsApp

    VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI? SCRIVICI!

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

     

    Post comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    © 2018 Centro Il Melograno A.P.S. - Psicologia e Servizi alla Persona - C.F. 94060860155